Riso di Sibari: Vi presentiamo il migliore Italiano di qualità

Articolo Aggiornato il Settembre 21, 2019 da Giorgio Fontana

Riso di Sibari: Vi presentiamo il migliore Italiano di qualità

Riso di Sibari: Vi presentiamo il migliore Italiano di qualitàQual è il miglior riso in Italia? Non si trova in Vercelli, ma in Calabria!

Il riso di Sibari, vero tesoro della Calabria, ha conquistato il podio nazionale.

È un prodotto tipico di Cassano allo Ionio, situato nella provincia di Cosenza, che rende omaggio a tutta la regione e alla sua millenaria tradizione legata alla cultura contadina e che oggi è considerata una prelibatezza della gastronomia italiana.

Riso di Sibari: Come e dove nasce e perché è così buono

Il viaggio di oggi è guidato dalla buona cucina e dalla scoperta di un territorio che trasmette ai suoi raccolti l’antica anima di un glorioso passato: stiamo parlando delle pianure siberiane dove apparentemente possiamo trovare il riso della migliore qualità che viene prodotto in Italia.

Il Riso di Sibari è il risultato della coltivazione di una pianta annuale, la Oryza sativa, che in realtà è stata scoperta a migliaia di chilometri di distanza dalla rigogliosa pianura dove oggi possiamo incontrarla nella sua forma migliore nonostante ciò che sulla catena montuosa dell’Himalaya.

È molto diffuso in Medio Oriente, Africa ed Europa.

Riso di Sibari: Vi presentiamo il migliore Italiano di qualitàSecondo alcune fonti storiche, questo particolare riso himalayano raggiunse gli strati estremi dell’Italia meridionale e trovò questo territorio come habitat ideale, sebbene le condizioni climatiche fossero diametralmente opposte all’originale.

La coltivazione del riso di Sibari copre circa 600 ettari di terra in tutta la pianura, posizionandosi sui mercati nazionali e internazionali come uno dei prodotti eccellenti contenuti nel settore agricolo calabrese, nonché l’ingrediente principale di deliziosi piatti tradizionali e rielaborati ricette.

La qualità del riso di Sibari e le sue proprietà organolettiche sono raccontate nel piatto che contiene la storia archeologica di un territorio unico che conquista ogni palato e, ultimo ma non meno importante, mantiene la fiducia dei consumatori che apprezzano la sua genuinità e versatilità in cucina come la base per innumerevoli ricette.

Caratteristiche del riso Sibari, l’oro bianco della Calabria

Riso di Sibari” è come è scritto, ma quello che leggiamo tra le righe è “materiale calabrese di alta qualità

Numerose sono le caratteristiche e le peculiarità organolettiche che rendono il Riso Sibari il miglior riso in Italia.

Oltre ad essere coltivato nel territorio calabrese, viene anche prodotto e fabbricato in Calabria utilizzando solo metodi artigianali: dopo un po ‘di scafo che non è affatto invasivo, il riso Sibari raggiunge il tavolo italiano mantenendo le sue qualità benefiche e il suo forte, sapore intenso, sinonimo delle parole “alta qualità” e deriva da una terra dall’inconfondibile carattere mediterraneo che distingue fortemente il riso di Sibari da quelli che si trovano tipicamente nel nord Italia.

Riso di Sibari: ecco cosa dicono gli esperti

Secondo l’opinione degli esperti, infatti, il riso Sibari è un prodotto molto più salato rispetto agli altri tipi che si trovano sul mercato.

Questo grazie all’influenza del sale marino che pervade anche il suolo e al particolare microclima in Calabria.

Questi elementi classificano questa qualità di riso come unica, quindi tra le più ricercate in Italia.

Le principali tipologie del riso di Sibari

Esistono diversi tipi di riso di Sibari: a partire dal classico Carnaroli, che si conserva al meglio durante la fase di cottura, al tipo di Grano Intero che conserva tutti i benefici del grano non raffinato, passando alle qualità più preziose del tipo Aromatico che rilascia un corpo di aromi intensi mentre si cucina e, infine, al tipo “Nero” – che è arricchito con antiossidanti naturali.

Dal 2006, i coltivatori sono stati anche direttamente coinvolti nelle fasi successive, dalla semina all’imballaggio, riuscendo così a mantenere l’originalità del prodotto durante tutte le fasi della produzione e garantendo quindi un controllo completo.

Come mangiare il riso Sibari: la ricetta perfetta

Se sei curioso di sapere la ricetta giusta per il riso Sibari, L’azienda agricola Fontana è felice di “fornirti la risposta su un piatto d’argento”!

Riso Sibari ai Funghi e Caciocavallo Silano DOP

Per questa ricetta utilizziamo il riso Carnaroli di Sibari e lo combiniamo con due prodotti per eccellenza della Sila: funghi e Caciocavallo DOP -trasformati in una mousse che viene utilizzata come contorno.

Per 4 persone

La salsa: Base di aglio 2 g., Cipolla 50 g., Rosmarino e salvia 2 g. Friggere e aggiungere 150 g. di funghi. Far rosolare per alcuni secondi e mescolare con 10 g. di vino bianco secco.

La mousse: Prepara una besciamella di 50 g. e aggiungi 100 g. di caciocavallo. Mescolare tutto insieme e versare nel sifone.

Il risotto: Una base di scalogno 40 g, marrone e aggiungere 320 g. di riso e tostarlo, sfumare con 10 g. di vino bianco e lasciarlo evaporare. Aggiungere il brodo vegetale e cuocere lentamente.

A metà cottura, aggiungi la salsa di funghi. Alla fine, lascia riposare per 2 minuti, quindi aggiungi 20 g. di burro freddo, 20 g. di parmigiano, pepe, prezzemolo tritato e olio extra vergine di oliva.

Metti il ​​risotto al centro del piatto con un po ‘di mousse al parmigiano.

Cosa vedere e cosa fare nella terra di Sibari?

Al centro della rigogliosa pianura dove viene prodotto il riso di Sibari e dove è conservata una traccia di alcuni dei più antichi insediamenti calabresi, la città di Cassano allo Ionio è il punto di partenza ideale per scoprire la bellezza e la generosità di un territorio che è sicuramente baciato dal sole.

Riso di Sibari: Vi presentiamo il migliore Italiano di qualitàLe tracce relative alla fondazione degli enotri di Cossa Enontria, collocate alla foce del torrente Eiano, risalgono al XIV secolo a.C. Con la fondazione della città greca di Sibari, nel 720 a.C., Cassano divenne una delle 25 città sotto il suo controllo.

Fu ricostruito sotto la guida dell’architetto Ippodamo e in seguito passò sotto il controllo dei romani.

Nel 1054 fu occupata dai Normanni e successivamente dagli Svevi.

Molte sono le meraviglie da visitare nella città di Sabari: dalla Cattedrale dedicata alla Natività della Vergine, al fiore all’occhiello della Marina: gli scavi del Parco Archeologico di Sibari e il Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide, mostra i reperti di una delle città più ricche e importanti della Magna Grecia.

L’area del Parco Archeologico è suddivisa in settori, ognuno identificato dal nome del sito di scavo: “Parco del Cavallo”, “Prolungamento Strada”, “Casabianca” e “Stombi”.

Nel “Parco del Cavallo” è possibile trovare i resti più significativi di epoca romana: un quartiere organizzato in due grandi plateiai e un teatro; nell’area “Casa Bianca”, invece, è presente una sezione costruita nel IV secolo a.C. contenente una torre circolare.

Condividi questo post


0
Spendi 70,00 ancora per ricevere la spedizione gratuita in Italia IT .
Il tuo carrello è vuoto

Non hai ancora inserito alcun prodotto

Browse Products

Non stavi lasciando il carrello così, vero?

Inserisci la tua e-mail qui sotto per salvare il tuo carrello. Riceverai un codice sconto del 10% da utilizzare per fare acquisti su tutti i prodotti del nostro sito.

Pre - Ordina Ti informeremo quando il prodotto sarà disponibile per acquistarlo. Si prega di lasciare il proprio indirizzo e-mail valido di seguito.
Apri chat
Bisogno di aiuto?
Ciao hai bisogno di aiuto?