Dolci calabresi: tutto quello che c’è da sapere e dove acquistarli al miglior prezzo

Articolo Aggiornato il Gennaio 17, 2020 da Giorgio Fontana

Dolci calabresi: tutto quello che c’è da sapere e dove acquistarli al miglior prezzo

I dolci calabresi hanno una tradizione antica, tramandata di generazione in generazione, più che spesso legata a un significato rituale e offerti come saluto che rappresenta le espressioni delle persone di sentimenti puri, come i biscotti a forma di “cavallo”, “pesce”, “capra “,” gallo “” santi “, per simboleggiare la vita contadina rurale e il rispetto per la natura.

I dolci tradizionali calabresi sono spesso realizzati con dolcificanti naturali come miele, sciroppo di fichi o vin brulè.

Dolci calabresi: ecco l’elenco definitivo (aggiornato)

Il Torrone: Ciò che rende speciale e unico il torrone calabrese sono le mandorle e il miele, lavorati a mano mantenendo inalterate le antiche tradizioni.

Le mandorle tostate vengono cotte per più di sei ore con albume d’uovo e miele.

Successivamente, il torrone friabile viene tagliato in piccole strisce che vengono poi coperte e guarnite con cioccolato bianco o cioccolato fondente o nocciola o ospite o nocciola o arancia.

Alcuni dolci tradizionali calabresi, non collegati al mondo rurale, testimoniano le influenze culturali arabe, come la pasta di mandorle, utilizzata per le caramelle di marzapane o il piccolo torrone “giurgiulene” a base di miele, mandorle, arancia candita, pistacchio o semi di sesamo .

Una lunga tradizione sono i dolci preparati per le vacanze.

In Calabria i dolci natalizi sono innumerevoli e ancora di più sono le varianti di preparazione utilizzate in varie città.

Anche i dolci preparati per la Pasqua in Calabria sono diversi, anche se le loro varietà sono numericamente inferiori rispetto ai dolci natalizi.

I biscotti delle tradizioni pasquali calabresi includono anche cioccolato e uova. Di seguito è riportato un elenco dei dolci più utilizzati.

  • La ‘Pitta mpigliata’ (o pitta ‘nchiusa), dolce originaria di San Giovanni in Fiore, ma diffusa in tutta la provincia di Cosenza.La sua origine risale al 1700.La torta è stata preparata principalmente per i matrimoni.Esistono alcune varianti di pitta ‘mpigliata in cui vi sono variazioni sulla frutta secca utilizzata, sul tipo di miele utilizzato e alcune eseguono l’impasto con cognac invece di usare il vermouth.

    In ogni caso il dolce mantiene sempre la sua forma tipica ed è servito con una classica forma pitta (cioè pizza, piatta e rotonda).
    Dolci calabresi: pitta impagliata

  • I Mostaccioli (Mostazzoli, ‘Nzuddha, Mastazzuolu o Mustazzuali).L’origine del mostaccioli è greca, “mustacea” è infatti il nome con cui Teocrito li ricorda nei suoi Idillio, sono dolci tipici di Soriano Calabro, realizzati con ingredienti naturali, farina, miele calabrese e vin brulè, sono duri, e vengono in varie forme, solitamente decorato con un foglio di stagno, consumato in occasione di fiere, feste, Natale e Pasqua.Conosciuti oggi in tutto il mondo per la loro unicità e forme, furono probabilmente introdotti nella zona dai padri domenicani nel 1500, ancora preparati a mano come è stato fatto 100 anni fa.
    Dolci calabresi: mostaccioli
  • Crocette di fichi secchi (piccola croce) – Dolce tipico della provincia di Cosenza, le piccole prelibatezze sono preparate con cannella, zucchero, noci (mandorle e talvolta arance candite), ricoperte di cioccolato o fico miele avvolte in foglie di arancia e poi cotte al forno.
  • Turdiddri o Cannarìculi: tradizionali biscotti natalizi a forma di gnocchi, fatti di farina, incisi su un cestino di vimini, fritti in olio d’oliva e poi passati nel vin brulè bollente (mosto di vino).
  • Scaliddre – Una miscela simile al turdiddri, ricoperta di glassa di miele o cioccolato.
  • Ciciriati: Biscotti della provincia di Vibo e Cosenza, la cui miscela contiene ceci (da cui il nome), caffè, noci e cacao.Nelle comunità locali di Arbëreshë (albanese) i “cici” sono i dolci pasquali più comuni.Per soddisfare l’ospite, gli ospiti dovrebbero sempre accettare quando vengono offerti dolci, qui l’ospitalità è sacra, specialmente in questo periodo.
  • Chiacchiere:  Dolci preparati per celebrare il Carnevale (Mardi-Gras), a forma di striscia, a volte modellato in varie forme, fatto con una miscela di farina che viene fritta o cotta, quindi spolverata con zucchero a velo.Possono anche essere ricoperti di miele, cioccolato e / o zucchero, lavati con liquori alchermes (dall’arabo al-qirmiz) o serviti con sanguinaccio (budino al cioccolato a base di sangue di maiale come addensante) o montati con mascarpone e zucchero.
  • La Cupeta: in epoca romana era indicato con il termine “cupedia”, una pasta di noci e miele, il precursore del torrone, ancora noto in Calabria come la “cupeta”, il torrone tradizionale venduto nelle bancarelle durante le feste locali.
  • Il torrone è tipico di Montepaone (CZ), composto da una miscela di ingredienti come sesamo, mandorle, miele, farina e facoltativamente è possibile aggiungere vin brulè e varie altre spezie per dare un sapore più intenso.La ricetta è un segreto gelosamente custodito dai “maestri copetai” e tramandato di padre in figlio.La preparazione della torta è laboriosa ma semplice in termini di esecuzione.
  • Cuzzupe (cuculi, gute) – Dolci pasquali tipici della provincia di Reggio Calabria.Può assumere molte forme, a discrezione della persona che lo prepara.Un uovo sodo, che si dice porti fortuna, è posto al centro della Cuzzupa.L’impasto viene solitamente preparato nei primi giorni della settimana santa. Gli ingredienti principali sono: latte, farina, uova, olio o strutto, lievito, zucchero.
  • Nacatole: dolci tradizionali di antica origine, di diverse forme, che vengono preparati nelle famiglie e nelle panetterie locali durante il periodo natalizio.Tipico nelle zone intorno a Locri in provincia di Reggio e in alcuni altri paesi e città.Sono preparati la settimana prima di Natale in segno di auguri.Sono di colore marrone chiaro, con un sapore delicato e dolce.

    Gli ingredienti sono: farina di grano macinato all’acqua del mulino, uova fatte in casa, olio extra vergine di oliva locale, latte, anice e lievito.

  • Petrali: Biscotti tipici di Reggio Calabria.Pasticceria a forma di mezzaluna ripiena di fichi, noci, mandorle, scorza d’arancia e mandarino.L’esterno è solitamente guarnito con tuorlo d’uovo spazzolato e palline di zucchero colorato; in alternativa può essere condita con zucchero a velo, cioccolato fondente o cioccolato bianco.Queste torte sono solitamente preparate e consumate durante le festività natalizie.
  • Pignolata: Tipico dolce a forma di cono di Reggio e ricoperto di miele riscaldato e viene utilizzato principalmente durante le feste di Carnevale.La torta è composta da palline di pasta fritta (chiamate solo “pigne”) e ricoperte di miele o glassa al limone (il bergamotto è anche ampiamente usato) e la restante metà della glassa alla vaniglia al cioccolato.
  • Susamelle o ‘nzulle’: Un altro dolce tipico natalizio ben noto, viene ricoperto di zucchero o cioccolato fondente arricchito con uva passa, canditi, scorza d’arancia e cannella.

Dolci calabresi: ecco i dolci tradizionali che nessuno conosce

Stomatico: Biscotto tipico di Reggio Calabria, preparato da una miscela di zucchero caramellato, farina, olio, ammoniaca e spezie (solitamente chiodi di garofano e cannella).

Dite D’Apustuli (dito di Apostee):dolci calabresi della provincia di Reggio Calabria, in particolare di Bagnara.

Suspiri ri monache (Sospiri della suora): Tipico a Bagnara, ricoperto di glassa bianca o cioccolato.

Pastiera: tipica dolce pasquale di Reggio Calabria.

Pitta di San Martino: Dolce tipico della provincia di Reggio Calabria, è un impasto delicato con frutta fresca e noci.

“I mostaccioli di Soriano Calabro”: La leggenda dice che la ricetta segreta fu data al popolo di Soriano da un misterioso monaco per ringraziarli per la loro generosità, e che poi scomparvero nel nulla.

Per la cronaca, tuttavia, l’introduzione dei mostaccioli è attribuita ai monaci della vicina San Bruno Certosa, (convento) e poi, intorno al 1500, ai domenicani del convento di San Domenico, che avrebbero insegnato l’arte della pasticceria agli artigiani locali.

Dove posso acquistare dolci calabresi di qualità online?

L’azienda agricola Fontana, da oltre 30 anni collabora con le migliori aziende dolciarie calabresi. 

L’azienda offre una selezione dei migliori dolci calabresi della tradizione al miglior prezzo online.

 

Condividi questo post


has been added to your cart.
Check-out
0
Spendi 70,00 ancora per ricevere la spedizione gratuita in Italia IT .
Il tuo carrello è vuoto

Non hai ancora inserito alcun prodotto

Browse Products

Non stavi lasciando il carrello così, vero?

Inserisci la tua e-mail qui sotto per salvare il tuo carrello. Riceverai un codice sconto del 10% da utilizzare per fare acquisti su tutti i prodotti del nostro sito.

Pre - Ordina Ti informeremo quando il prodotto sarà disponibile per acquistarlo. Si prega di lasciare il proprio indirizzo e-mail valido di seguito.

No fields found, please go to settings & save/reset fields

Apri chat
Bisogno di aiuto?
Ciao hai bisogno di aiuto?