Prodotti tipici calabresi: i migliori del 2021? Ecco quali scegliere!

Prodotti tipici calabresi: i migliori del 2021? Ecco quali scegliere!

Se ti trovi a leggere questa guida è perché stai cercando prodotti tipici calabresi.

Ebbene sei nel posto giusto!

Con questa guida ti illustrerò i 27 migliori prodotti tipici che puoi trovare in Calabria.

Sei pronto?

Iniziamo…

Qui di seguito troverai già l’elenco ti tutti i prodotti:

  1. Nduja
  2. Guanciale
  3. Soppressata di Calabria DOP
  4. Capocollo di Calabria DOP
  5. Pezzenti o Nduglia
  6. Caciocavallo Silano
  7. Pecorino del Pollino
  8. Pecorino del Monte Poro
  9. Ricotta affumicata del Crotonese
  10. Giuncata
  11. Riccottone Salato
  12. Pane di Cerchiara
  13. Pane Pizzata
  14. Pane di Margone
  15. Sguta
  16. Cipolla Rossa di Tropea
  17. Melanzana Rossa di Rotonda
  18. Patata della Sila IGP
  19. Lenticchia di Mormanno
  20. Bergamotto di Reggio Calabria DOP
  21. Cedro liscio di Diamante
  22. Limone di Rocca Imperiale IGP
  23. Clementina calabrese
  24. Pitta ‘mpigliata, scaliddi, cannarichi, cicirata
  25. Liquirizia di Calabria DOP
  26. Peperoncino di Calabria
  27. Tartufo di Pizzo
  28. Torrone di Bagnara IGP

Dove acquistare prodotti tipici calabresi?

L’agricola Fontana a differenza di tutti gli altri Shop online offre una vasta gamma di prodotti tipici calabresi di qualità di sua produzione.

Per questo motivo nel nostro negozio online potete trovare la miglior qualità al miglior prezzo.

Da noi potete trovare prodotti autoctoni riscoperti e introvabili.

Cosa aspetti?

Acquista prodotti tipici calabresiProdotti tipici Calabresi: Guida completa 2020, tutto quello che devi sapere

La Calabria è una regione costiera fiancheggiata da altipiani e aspre montagne, che vanta una generosità di prodotti alimentari locali grazie alla sua geografia unica.

Dal nord del massiccio del Pollino, all’altopiano della Sila e al sud dall’Aspromonte, l’esodo geografico della regione si presta ad un catalogo di prodotti tipici calabresi tanto vari quanto il paesaggio.

Mentre grande attenzione viene posta sui salumi dal popolare ‘Nduja a Sopressata, la Calabria offre anche qualche altro cibo locale di ottima qualità con sapori forti, spesso con l’uso liberale del peperoncino rosso sia nelle carni che nei latticini.

E non finisce qui, la Calabria offre una scelta di frutta e verdura di prim’ordine che si prendono egualmente gloria.

Tra i favoriti più evidenti troviamo la famosa “Cipolla Rossa di Tropea“, deliziosa consumata cruda o utilizzata per fare marmellate e l’essenza essenziale del bergamotto.

Quindi la prossima volta che sei in Calabria, ecco 27 prodotti locali per conoscere meglio la regione:

1.Nduja: Prodotto tipico calabrese di Eccellenza

‘Nduja è un salame spalmabile particolarmente buono da gustare su una fetta di pane.

Nduja: prodotto tipico calabreseCon una consistenza molto liscia e un sapore speziato, l’insolito colore-ruggine, la consistenza e il sapore lo rendono piuttosto unico nella vasta selezione di salumi italiani.

Nduja spalmabile: prodotti tipici calabresi
Acquista la Nduja di nostra produzione

Un salame locale di Spilsby, un paese della provincia di Vibo Valentia, è fatto con grasso di maiale e un sacco di peperoncino con tutto quello che viene fumato dentro l’intenstina. Oggi la ‘Nduja è comunemente usata come condimento per pizza o per insaporire salse.

Vuoi acquistare questo prodotto? Clicca qui

Vuoi saperne di più su questo straordinario salume? Leggi la nostra guida completa del 2019

2. Guanciale: Prodotti tipici calabresi

Un tipico salume calabrese, chiamato Buccalaru o Vuccularo dalla gente del posto, il guanciale viene prodotto dalla lavorazione del grasso di maiale che viene dal collo e dalla testa di maiale, usato principalmente perché contiene meno pelle magra di altre parti dell’animale.

3. Soppressata di Calabria DOP: Prodotti tipici calabresi

Las sopressata, o suppizzata, è un salume è fatto di carne magra e grasso di maiale a cui si aggiungono di solito peperoncino piccante e finocchio, anche se ci sono varietà fatte senza.

Vuoi acquistare questo prodotto? Clicca qui

4. Capocollo di Calabria DOP: Prodotti tipici calabresi

Dopo Sopressata e ‘Nduja arriva il Capocollo il “re” dei salumi calabresi.

Il prodotto tipico viene preparato utilizzando la porzione superiore della lonza di maiale.

La carne disossata viene salata per oltre 4-10 giorni, quindi lavata con acqua e aceto.

Con un periodo di invecchiamento di almeno 100 giorni dalla salatura.

5. Pezzenti o nduglia: prodotti tipici calabresi

Pezzenti nduglia: prodotti tipici calabresiTipico di Cosenza, ma anche della Basilicata e della Puglia, il Pezzente o Pizzenti è solitamente l’ultimo salame preparato dopo il macello del maiale, che viene prodotto con carne e frattaglie più vecchie e considerato un salume meno caro.

Il fegato, il cuore, la milza ei polmoni sono mescolati con pancetta, spezie e ripieni negli involucri e conservati.

6. Caciocavallo Silano: prodotti tipici calabresi

Caciocavallo: prodotti tipici calabresiQuesto antico formaggio calabrese fatto di pasta filata, da latte intero fresco.

La forma è ovale o conica e ogni Caciotta pesa da 1 kg a 2,5 kg.

7. Pecorino del Pollino: prodotti tipici calabresi

Forse non tra i formaggi più conosciuti, ma tra i migliori degli altipiani calabresi.

Il pecorino di Pollino è prodotto con latte di pecora con un periodo di invecchiamento da due mesi a oltre un anno.

8. Pecorino Del Monte Poro: prodotti tipici calabresi

Considerato uno dei migliori formaggi pecorino del sud Italia, il pecorino Monte Poro viene prodotto nella provincia di Vibo Valentia e prodotto con il latte di pecora locale.

Può essere consumato giovane o stagionato: se invecchiato per un lungo periodo si sviluppa una crosta più spessa dalla pasta gialla, quasi arancione e giallo pallido.

9. Ricotta Affumicata Crotonese: prodotti tipici calabresi

Prodotto tipico calabrese dell’Alto Crotonese e della città di Mammola, la Crotonese affumicata con ricotta viene prodotta a partire dal siero che rimane dalla lavorazione del latte.

Una volta formata la ricotta viene affumicata per alcuni giorni esposta al fumo di legna, alle piante profumate e alle castagne.

10. Giuncata: prodotti tipici calabresi

Giuntata: prodotti tipici calabresiUn formaggio cremoso prodotto in Sila e nella pianura di Sibari, il nome deriva dalla pratica di raccogliere la cagliata in contenitori di canna, che conferiscono al formaggio la sua inusuale consistenza superficiale.

Prodotto con latte di mucca o capra, ha una consistenza morbida e un colore biancastro e ha un sapore delicato ma leggermente acido.

11. Riccotone Salato: prodotti tipici calabresi

Formaggio tipico di molte zone della Calabria, da Crotone fino a Locri.

I formaggi sono fatti da novembre a luglio con latte misto e mostra un formaggio a forma di tronco di cono.

Il sapore del sale di Ricottone è intenso e leggermente più leggero nei confronti del piccante.

12. Pane di Cerchiara: prodotti tipici calabresi

Uno dei pani più popolari della Calabria:

Pane calabrese: prodotti tipici calabresiIl pane di Cerchiara viene dal Pollino e viene prodotto e cotto in antiche fornaci della provincia di Cosenza in nove fornaci, per lo più o tutti gestiti da donne, che lavorano duramente per rifornire l’intera provincia e la regione .

13. Pane Pizzata: prodotti tipici calabresi

La Pizzata è un tipo particolare di pane fatto con mais che non contiene farina di grano e si presenta con una forma piatta e può essere aromatizzato con peperoncino.

14. Pane di Margone: prodotti tipici calabresi

Uno dei pani più popolari della Calabria e non solo; il pane proviene da Margone, un piccolo paese in provincia di Cosenza.

Grazie al metodo di cottura e alla tecnica di cottura rigorosamente tradizionale, il pane Margone rimane morbido per giorni all’interno e ha una crosta croccante.

Di cosa è fatto?

Grano e acqua dalla Sila.

15. Sguta: prodotti tipici calabresi

Questo prodotto da forno si trova comunemente nelle tavole di famiglia della Calabria, specialmente nel periodo pasquale.

La pagnotta abbraccia un uovo crudo, che viene cotto nel forno insieme all’impasto del pane.

Può essere consumato sia dolce che salato.

16. Cipolla rossa di Tropea: prodotti tipici calabresi

Uno dei più popolari prodotti tipici calabresi in Italia la Cipolla di Tropea IGP è un tipo di cipolla più dolce e più dolce rispetto ad altre varietà: il particolare sapore deriva da particolari condizioni climatiche e geografiche: come la terra si affaccia sul mare e ha un inverno mite.

17. Melanzana Rossa di Rotonda: prodotti tipici calabresi

Visto da lontano è facile confondere queste verdure per i pomodori con la loro forma rotonda e rossa brillante.

Il pregiato prodotto calabrese si trova al confine tra Calabria e Basilicata – nel Parco Nazionale del Pollino.

Hanno un sapore leggermente piccante, anche se sono più miti rispetto alle melanzane canoniche.

18. Patata della Sila IGP: prodotti tipici calabresi

Questa particolare varietà di patate viene coltivata sull’altopiano della Sila, a 1000 metri sul livello del mare e contiene una percentuale di amido superiore alla media.

Ciò significa che la patata Sila è più nutriente e gustosa di molte altre patate.

Tipicamente sono le patate ideali per fare un piatto calabrese chiamato mpacchiuse di patate, fatto con cipolle e patate.

19. Lenticchia di Mormanno : prodotti tipici calabresi

Lenticchia: prodotti tipici calabresiFino a 20 anni fa si pensava che questa varietà di lenticchie fosse andata perduta per sempre.

Tuttavia, seguendo l’agenzia regionale per lo sviluppo agricolo della regione è stato in grado di trovare alcuni esempi da parte degli agricoltori locali.

La lenticchia di Mormanno è fine e ricca di proteine e proviene da una piccola pianta.

Oggi il legume è protetto dal Presidio Slow Food.

20. Bergamotto di Reggio Calaria DOP: prodotti tipici calabresi

Il bergamotto è un agrume rotondo, più o meno appiattito alle estremità con un aroma molto intenso e un profumo fresco.

È prodotto nei comuni di Reggio e la sua buccia gialla contiene un olio essenziale di grande valore, molto ricercato nell’industria cosmetica.

Cerchi un ottima marmellata a base di bergamotto? Clicca qui

21. Cedro Liscio di Diamante: prodotti tipici calabresi

Cedro liscio: prodotti tipici calabresiQuesto è l’antico agrume dal quale sembra che altri derivati di agrumi siano arrivati oggi sul mercato, come il pompelmo o il mandarino.

In questo tratto di costa viene realizzato il 98% della produzione nazionale di cedro.

Il sapore è aspro, ma dolce, con una piccola polpa succosa.

22. Limone di Rocca Imperiale Igp: prodotti tipici calabresi

Limone rocca imperiale: prodotti tipici calabresiIl Limone di Rocca Imperiale IGP è un frutto fresco appartenente alla specie Citrus limon Burm, derivante dalla cultivar Femminello.

Il Limone di Rocca Imperiale IGP ha una forma allungata e una pezzatura media, con una crosta che varia dal giallo verdastro al giallo.

La carne è senza semi e giallo pallido, con succo chiaro e abbondante, che non è né aspro né amaro.

La zona di produzione del Limone di Rocca Imperiale IGP si trova nel territorio amministrativo del Comune di Rocca Imperiale, in provincia di Cosenza, nella regione Calabria.

23. Clementina calabrese: prodotti tipici calabresi

La clementina calabrese è un frutto tipico della regione e negli ultimi decenni è stato l’agrume più venduto dopo l’arance.

Le clementine sono frutti di un gruppo sempreverde di piante del tipo Citrus, particolarmente ricco di acidi organici e di vitamina C, presente in 50 mg per 100 g di prodotto; ha anche vitamina A e, in misura minore, vitamina B1, B2 e B3.

Cerchi un’ottima marmellata di Clementine? Clicca qui

24. Pitta ‘mpigliata, scaliddi, cannarichi, cicirata: prodotti tipici calabresi

Nella zona della Sila, in particolare nella città di San Giovanni in Fiore, si trova la tradizionale pitta ‘mpigliata, rosette al forno ripiene di noci, mandorle, uvetta, cannella, chiodi di garofano e condite con miele.

Un altro dolce natalizio rinvenuto nell’area di Cosenza sono gli scaliddi o scalilla, che significa “scalette”.

Queste sono frittelle fatte con un impasto dolce, ma sagomate per assomigliare ad una scala, con due lunghi lati paralleli e barre trasversali più corte, o una lunga spirale fatta avvolgendo una corda di pasta attorno al manico di un cucchiaio di legno e poi immergendo il cucchiaio in olio bollente.

I miei due dessert preferiti a Natale erano sempre i cannariculi (o cicirata) e il chinule.

I cannarichi sono una pasta fritta dolce a forma di gnocchi, fritti e conditi con miele:

La cicirata è la stessa pasta ma tagliata delle dimensioni di un cece e fritta e ricoperta di miele.

Quelli di voi che sono napoletani li conoscono come struffoli.

25. Tartufo di Pizzo: prodotti tipici calabresi

Tartufo di pizzo: prodotti tipici calabresiAd eccezione della Sicilia, la Calabria è la più lontana a sud di tutte le province italiane.

Di conseguenza, il tempo diventa piuttosto tostato.

Il clima calabrese è notoriamente sudato durante i mesi estivi – in gran parte della regione si osservano massimi medi di 30 ° C tra maggio e settembre, e la corrente d’aria calda che sale dall’Africa rende la costa orientale particolarmente arida e secca.

Quando ti trovi di fronte a questo tipo di calore implacabile, c’è solo un buon modo per mantenersi freschi – il gelato.

Fortunatamente, i Calabresi lo hanno capito qualche tempo fa; il gelato è un enorme affare nel sud e le gelaterie offrono un’incredibile gamma di sapori – non solo classici come nocciola, pistacchio e stracciatella (un gelato al latte con venature di cioccolato che lo attraversano) ma anche sapori locali molto insoliti, come la liquirizia, cipolla rossa e, sì, anche ‘nduja.

Se non sei abbastanza sicuro della logica dietro un gelato al salame piccante, non sei il solo.

Prendi il nostro consiglio e cerca invece il leggendario tartufo di Pizzo calabrese – una bomboletta di gelato a più strati di nocciole e cioccolato che rivendica il merito di essere uno dei più grandi dessert del mondo.

La storia del tartufo inizia nella città calabrese di Pizzo, una piccola città di pescatori sulla costa occidentale della regione.

Pizzo è la casa indiscussa del gelato italiano – è conosciuta a livello nazionale come la “città del gelato” e ci sono almeno venti gelaterie nel centro della città da solo (uno ogni 500 abitanti, tra l’altro).

Il posto di Pizzo al centro dell’universo del gelato è dovuto in gran parte all’invenzione del tartufo negli anni ’50 – molte famiglie in città hanno fatto il gelato prima di questo, ma è il tartufo che ha davvero messo Pizzo sulla mappa.

Quindi la storia va, il gelataio Giuseppe De Maria – noto come “Don Pippo” alla gente del posto – stava preparando freneticamente i dolci per una festa per celebrare l’arrivo di un importante principe.

Trovando che non aveva più stampi per il suo gelato, Don Pippo iniziò a modellare i dessert con le mani, mettendo sul suo palmo gelato alla nocciola e al cioccolato, poi a formare una palla ruvida intorno a un ripieno di cioccolato fuso per fare una bomba .

Per Giuseppe siciliano non era diverso fare arancini – invece di coprire le palline con il pangrattato li spolverava nello zucchero e nel cacao, dando loro l’aspetto di tartufi e per sempre li confinava come tartufi di Pizzo.

La ricetta originale appartiene ancora ai nipoti di Don Pippo, che gestiscono le vicine gelaterie Dante ed Ercole nel centro di Pizzo.

Questi sono i posti dove andare se cerchi un vero tartufo autentico, ma questa è la qualità del gelato a Pizzo, praticamente ogni ristorante e bar in città è un buon tartufo.

Ciò che distingue il bene dal grande, però, è l’artigianato.

Il gelato deve essere fatto senza additivi o stabilizzatori moderni e una volta che sei riuscito a versare al centro una quantità rispettabile di cioccolato fuso, c’è il difficile compito di sigillare il tartufo senza fare un casino.

26. Liquirizia di Calabria D.O.P: prodotti tipici calabresi

Liquirizia calabrese: prodotti tipici calabresiIl primo a ottenere aspirazioni imprenditoriali, forse dopo essere stato inebriato dall’aroma intenso di questa pianta che cresce spontaneamente e vigorosamente lungo la costa calabrese, sembra essere stato il Duca di Corigliano, che realizzò il potenziale di profitto della pianta di liquirizia nel 1715.
Ciò che è detto, è fatto. Stabilì presto

una fabbrica con altre fabbriche simili stabilite nella Sibaritide dalle ricche e nobili famiglie della zona.

Un vero successo (il prodotto conquistò anche i mercati esteri) plasmato dall’abbondanza e dall’eccellente qualità di questa radice, dal fatto che la sua produzione si rivelò presto proficua e dalla creazione di un vasto gruppo di tecnici e operai specializzati in ciascuna delle produzioni fasi, dalla raccolta della radice alla produzione dell’estratto.

Durante il 1800 e fino alla seconda guerra mondiale, diversi fattori di portata internazionale hanno messo in crisi il grande centro di produzione di liquirizia calabrese.

La crisi fu così grande che molte delle più antiche fabbriche caddero in disuso e solo poche aziende sopravvissero. Sono queste le attività che hanno permesso alla Liquirizia di Calabria di arrivare “al sicuro” del XXI secolo.

Oggi la leggendaria radice calabrese viene prodotta nelle zone costiere della regione, in particolare nei territori di Castrovillari, Corigliano e Rossano, e apprezzata in tutto il mondo non solo per il suo utilizzo in diversi settori industriali (soprattutto l’industria dolciaria), ma anche per i suoi benefici alla salute.

Questi includono la sua azione positiva sui sistemi respiratorio e digestivo e le sue proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti e dissetanti.
La Liquirizia di Calabria, sia la radice che il suo estratto, è stata garantita dall’importante marchio europeo di Denominazione d’Origine Protetta dal 2011.

È inoltre sostenuta da un Consorzio che porta il suo nome, incaricato della sua protezione e valorizzazione.

La sua qualità è superiore a quella di altre varietà conosciute grazie alla natura del suolo e del clima della Calabria, che producono un prodotto con un aroma estremamente intenso e un sapore più dolce dell’amaro.

Il suo soprannome, “Principessa della Calabria”, non è stato guadagnato per caso.

La radice è disponibile per la vendita come bastoncini da masticare, sminuzzata per l’uso in decotti e tè o in polvere.

L’estratto, che si ottiene facendo bollire la radice in acqua e concentrando il succo risultante tramite lenta evaporazione del liquido, viene venduto in molte forme diverse.

Sia come radice sia come estratto, la Liquirizia di Calabria è anche ampiamente utilizzata in cucina per piatti dal sapore e aroma sofisticati, dagli antipasti ai primi piatti, ai secondi piatti e dessert.

27. Peperoncino di Calabria: prodotti tipici calabresi

Il peperoncino è una pianta (e frutto) appartenente al genere Capsicum (lo stesso dei peperoni dolci) della famiglia delle Solanacee.

Secondo alcuni, il nome latino “Capsicum” deriva da “capsa”, che significa scatola, e deve il nome alla particolare forma del frutto che ricorda proprio una scatola con dentro i semi.

Altri invece lo fanno derivare dal greco kapto che significa mordere, con evidente riferimento al piccante che “morde” la lingua quando si mangia.

Stai cercando peperoncini di qualità introvabili? Entra nel nostro shop! Gli produciamo noi!

28.Torrone di Bagnara IGP: prodotti tipici calabresi

Il Torrone di Bagnara è il tipico torrone calabrese tradizionale ottenuto dalla lavorazione di zucchero, mandorle tostate, miele, albumi d’uovo, cacao amaro in polvere, olii essenziali e spezie in polvere.

Ne esistono due varietà: la Martiniana, ricoperta di zucchero semolato e la Torrefatto Glassato, ricoperta di cacao amaro.

È prodotto all’interno del Comune di Bagnara Calabra in Provincia di Reggio Calabria, una cittadina trovata a pochi chilometri dallo Stretto di Messina, in Calabria.

Il Torrone di Bagnara è il frutto dell’esperienza artigianale e dell’esperienza di generazioni di produttori di torroni Bagnara, che hanno trovato un modo per aggiungere un tocco di originalità al processo di produzione introducendo fasi di lavorazione come “il mantello del monaco” e “la rottura del vitreo” , che hanno contribuito a definire le insolite qualità organolettiche del prodotto.

Era il torrone preferito della regina Margherita di Savoia e per mostrare il suo apprezzamento ha dato una spilla reale a uno dei produttori locali, concedendogli il diritto di usare la radice reale nel logo dell’azienda.

Il prodotto è ottenuto attraverso una meticolosa procedura che richiede il dosaggio esatto degli ingredienti e l’uso di una complessa tecnica di cottura a calore elevato con una fiamma viva.

Il primo morso rivela una consistenza friabile e croccante mentre la dolcezza del torrone al palato è bilanciata dal sapore di mandorle tostate e da una netta sensazione di zucchero bruciato, con un retrogusto leggermente speziato che nella varietà Torrefatto Glassato racchiude anche un accenno di cacao amaro.

Il Torrone di Bagnara veniva consumato tradizionalmente a Natale, sebbene nel tempo e con la diffusione delle sue qualità distintive, stiamo assistendo ad una graduale estensione del periodo in cui viene consumato.

Sibarizia.it : primo sito online di vendita e cultura di prodotti tipici calabresi

La Calabria è una terra preziosa molte volte sottovalutata.

Come abbiamo visto poc’anzi ci sono tantissimi prodotti tipici che non sono stati valorizzati, ma di altissima qualità.

Per questo motivo la nostra missione non è solo la vendita di prodotti tipici calabresi, ma anche la diffusione della cultura calabrese in tutto il mondo.

Prodotti tipici calabresi: ecco perché acquistarli

Se sei arrivato a questo punto ti chiederai perché dovrei acquistare prodotti tipici calabresi?

Sono due i fattori principali:

Genuinità e tradizione!

Acquistare prodotti tipici calabresi significa acquistare un prodotto che ha fatto la sua storia è che si trova al top della qualità Italiana.

Conclusione

La Calabria negli ultimi anni è riuscita a distinguersi a livello nazionale nella produzione di prodotti tipici locali.

Alimenti di eccellenza inimitabili che hanno ricevuto la Dop a livello nazionale.

Spero che questo articolo ti possa servire per conoscere di più il nostro territorio.

Sono sicuro che ti abbiamo incuriosito… allora cosa aspetti? Entra nel nostro shop online e acquista la genuinità!

Dimenticavo… se vuoi saperne ti più sui prodotti tipici calabresi ti lascio il link del sito autorevole delle politiche agricole forestali che spiega nei minimi dettagli le caratteristiche dei prodotti dop.

Clicca qui

Team Blogger Sibarizia

Fonti

Fonti

Condividi questo post

Comment (1)

  • Giorgio87064

    Ringrazio tutto il Team di Sibarizia, in particolare Giorgio Fontana il titolare per la sua professionalità e amore per la cura dei prodotti che da oltre 30 anni produce con passione

    Gennaio 26, 2020 a 6:57 am

I commenti sono chiusi.


Pre - Ordina Ti informeremo quando il prodotto sarà disponibile per acquistarlo. Si prega di lasciare il proprio indirizzo e-mail valido di seguito.
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
    Apri chat
    Bisogno di aiuto?
    Ciao hai bisogno di aiuto?